Scarsa riserva ovarica

16.08.2022
Categoria:
Scarsa riserva ovarica
In questo articolo

Ogni donna ha una certa scorta di uova che sono in grado di essere maturate e fertilizzate. La riserva ovarica va determinata già durante il periodo di sviluppo intrauterino del feto femminile. Un basso apporto di uova può essere causato da fattori genetici, fisiologici e medici.
Questo indicatore ha un impatto significativo sulla fertilità. La possibilità di rimanere incinta senza qualche aiuto chirurgico con una riserva ovarica bassa è trascurabile. Non può essere aumentato artificialmente, ma c’è la possibilità di concepire e dare alla luce un bambino sano. Ciò aiuterà la fecondazione in vitro, abbreviata – IVF/FIV.

Che cos’è una riserva ovarica?

La riserva ovarica è un insieme numero di uova pronte per la maturazione e la fecondazione. È assolutamente individuale, si forma nell’utero alla sesta settimana di gravidanza e si sta esaurendo poco a poco entro tutta la vita. Con l’età, la riserva diminuisce e all’età di 45 anni diventa piuttosto bassa.
Gli ovociti (lo stesso che gli ovuli) si trovano nei follicoli. Quando si verifica la pubertà, iniziano a maturare. Sotto l’influenza degli ormoni ipofisari, da 5 a 15 follicoli entrano in crescita, mentre in un ciclo solo uno di loro o qualche (in molto rari casi) matura e ovula. Questo rifornimento dei follicoli in crescita avviene continuamente fino alla menopausa.

Durante l’intera vita riproduttiva delle donne, in generale, possono ovulare 400-500 uova e solo 15-20 vengono fecondate. Gli altri muoiono in diversi stadi di sviluppo. La diminuzione fisiologica della riserva ovarica inizia all’età di 27-28 anni, il processo diventa più significativamente sentibile all’età di 35-40 anni e all’età di 45 anni la funzione riproduttiva scende praticamente a zero.

Ragioni della riserva ovarica ridotta

La riserva ovarica ridotta può essere una caratteristica congenita oppure un fattore acquisito. Ci sono tre ragioni per una scarsa fornitura di uova:

  • genetico: con l’inizio della menopausa prematura nelle generazioni precedenti della paziente, è possibile una diminuzione prematura della funzione riproduttiva della stessa paziente;
  • fisiologico: l’età è la causa naturale di una diminuzione della riserva, la sua graduale diminuzione da 27-30 anni è considerata la norma;
  • medico: chirurgia, trattamento dell’endometriosi, alcune malattie, consumo di certi tipi di farmaci, radioterapia e chemioterapia.

Il motivo più comune per una diminuzione del numero di uova pronte per la fecondazione è l’età. A che età inizierà questo processo e per quanto velocemente andrà – dipende dalla predisposizione genetica, dallo stile di vita e dalla presenza di alcune malattie. Le seguenti malattie possono portare allo sviluppo prematuro dell’insufficienza ovarica:

  • aggressività autoimmune;
  • disgenesia congenita delle gonadi;
  • diabete;
  • malattie renali;
  • infertilità idiopatica;
  • amenorrea;
  • alcoholismo;
  • disturbi endocrini;
  • tossicodipendenza.

Le tecnologie di crioconservazione degli ovociti consentono di preservare il materiale genetico per utilizzarlo per concepire un bambino in futuro.

Metodi diagnostici in preparazione alla fecondazione in vitro

Vari metodi dell’esaminazione vengono utilizzati per determinare il volume della riserva ovarica. Questi includono:

  1. Diagnostica con metodo di ecografia. Viene eseguito da un sensore transvaginale il 2°-3° giorno del ciclo. Questo studio consente di determinare il numero di follicoli in maturazione, i parametri e il volume delle ovaie. Una donna in età riproduttiva attiva fino a 35 anni dovrebbe normalmente avere almeno 8-12 follicoli antrali di dimensioni comprese tra 2 e 10 mm in ciascuna ovaia. Se con tali indicatori non è possibile rimanere incinta naturalmente, la donna può essere stimolata con l’ovulazione con farmaci ormonali. Questo viene fatto per attivare la maturazione delle uova pronte per la fecondazione. Se all’ecografia vengono rilevati meno di 8 follicoli antrali, questo è un segno di bassa riserva ovarica. Con tali indicatori, è probabile che la risposta alla stimolazione dell’ovulazione sia bassa, quindi il dosaggio dei farmaci ormonali entro la preparazione per la fecondazione in vitro è aumentato. Se ci sono meno di 5 follicoli antrali, le possibilità di una risposta ovarica agli ormoni sono molto basse. A 13-20 follicoli è prevista una buona risposta a piccole dosi di stimolanti, ma esiste un leggero rischio di sviluppare la sindrome da iperstimolazione. Se ce ne sono più di 20, il rischio di sviluppare la sindrome da iperstimolazione ovarica durante la fecondazione in vitro è alto.
  2. Determinazione del livello di FSH (ormone follicolo-stimolante). L’analisi viene eseguita il 2-3 giorno del ciclo. La concentrazione ormonale superiore a 25 UI/L è critica e indica l’esaurimento ovarico. Nel caso la quantità di FSH sia superiore a 17 UI/l, esiste il rischio di non ricevere la risposta ovarica alla stimolazione. A una quantità di 10-17 UI / l, è prevista abbastanza bassa risposta alla stimolazione. In questi casi, si raccomanda di eseguire la fecondazione in vitro utilizzando gli ovuli di donatrici.
    Indicatori di 8-10 UI/l suggeriscono una buona risposta delle ovaie alla stimolazione. Se l’analisi del sangue mostra la quantità di FSH inferiore a 8 UI / l, i dottori considerano che la stimolazione avrà successo, e c’è molto alta probabilità di ottenere un numero sufficiente di uova di qualità.
  3. AMG (ormone antimulleriano). Al di sopra di 1,0 ng/mL, c’è un’alta probabilità che la gravidanza avvenga naturalmente. Se l’AMG è inferiore a 1,0 ma superiore a 0,2 ng/mL, le possibilità di concepimento spontaneo sono ridotte, poiché l’ovulazione non si verifica ad ogni ciclo. La fecondazione in vitro può essere il metodo che potrebbe aiutare con questo. Se la quantità di AMG è inferiore a 0,2 ng / ml, ciò indica una bassa probabilità di rimanere incinta attraverso la semplice fecondazione in vitro. In questo caso, si consiglia di utilizzare ovuli di donatore o un embrione.
  4. Determinazione della quantità dell’ormone Inhibin B. Per la diagnosi, il 2°-3° giorno del ciclo, deve essere prelevato sangue venoso per l’analisi. Questo ormone sopprime la produzione di FSH, quindi in età riproduttiva durante la fase follicolare del ciclo, i loro valori sono inversamente proporzionali. La norma per le donne durante la fase follicolare è 30-90 pg / ml e l’ovulo – 80-200 pg / ml.

Un complesso di metodi diagnostici viene utilizzato per fare una diagnosi e selezionare regimi di trattamento efficaci.

Gravidanza con riserva ovarica bassa

I sintomi più indicativi di una bassa riserva ovarica sono infertilità di eziologia sconosciuta, sanguinamento irregolare, amenorrea (assenza per un lungo periodo del tempo di mestruazioni) e vaginite atrofica. Le modalità di trattamento dipendono principalmente dal livello di AMH, FSH e dal numero di follicoli contati agli ultrasuoni.
È possibile una gravidanza con riserva ovarica bassa. Anche con indicatori critici di AMG, è possibile concepire un bambino da soli, ma è molto piccolo. Per molte donne con questa diagnosi, la fecondazione in vitro diventa un’opportunità per la maternità. La clinica VittoriaVita offre diversi programmi di fecondazione in vitro. Il paziente può scegliere l’opzione più adatta e conveniente.
Per un risultato di successo, è molto importante scegliere il giusto protocollo di fecondazione in vitro individuale. Ce ne sono di diversi tipi.

Protocollo giapponese

Viene utilizzato per bassi livelli di AMG (inferiori a 1 ng / ml) e alti valori di FSH (più di 15 UI / l). È prevista una stimolazione minima dell’ovulazione con farmaci ormonali in modo intermittente. Lo scopo di tali procedure è di ottenere in ogni ciclo una o due uova adatte alla fecondazione. Gli embrioni risultanti vengono congelati e trasferiti nei cicli successivi.

FIVET con il ciclo naturale

Questo è il protocollo più benigno. I preparati per stimolare l’ovulazione non vengono utilizzati o sono prescritti nel dosaggio minimo. Più utilizzato con successo per l’endometriosi.
In caso di AMG basso, si consiglia di utilizzarlo solo con l’uso di ovociti di donatori. Altrimenti, senza stimolazione, nel ciclo matura un solo follicolo, dove potrebbe non esserci un uovo maturo adatto alla fecondazione.
Con alti livelli di FSH, questo protocollo ha anche una bassa percentuale di successo. È necessaria la stimolazione o il trattamento preliminare della malattia, che ha portato ad un aumento dell’FSH.

Protocollo breve con stimolazione ovarica controllata.

Viene utilizzato con successo con una leggera diminuzione di AMG e livelli normali di FSH. Esistono vari schemi per preparare un paziente alla fecondazione in vitro secondo questo protocollo: assunzione di testosterone transdermico e androgeni, estrogeni, preparazioni di hCG e LH, corticosteroidi, irudoterapia.
Il trattamento per la ridotta riserva ovarica può includere farmaci che inibiscono l’attività dell’enzima aromatasi e abbassano i livelli di estrogeni nel corpo. Aumentano la sensibilità dei recettori FSH nelle ovaie, il che migliora la loro risposta alla stimolazione, migliora la qualità degli embrioni.
La Clinica VittoriaVita fornisce pieno supporto al paziente in tutte le fasi della procedura. L’inseminazione artificiale viene effettuata da medici della più alta categoria. Il riproduttore seleziona il protocollo di trattamento più efficace per un particolare paziente, controlla ogni fase. È inoltre disponibile un servizio di gestione della gravidanza.

Potresti essere interessato a:
Se ci sia bisogno di un “riposo” tra le procedure di fecondazione in vitro? 09.04.2020
Se ci sia bisogno di un “riposo” tra le procedure di fecondazione in vitro?
Un riposo nelle procedure di fecondazione in vitro è una delle raccomandazioni della maggior parte dei medici. Alcuni esperti consigliano di sdraiarsi per 15-25 minuti dopo la fecondazione in vitro, altri insistono sulla necessità di limitare l’attività fisica durante il giorno o anche per qualche giorni.
Maggiori dettagli
Metodi ICSI, PICSI e IMSI, qual’è la differenza ? 01.03.2021
Metodi ICSI, PICSI e IMSI, qual’è la differenza ?
Lo stesso processo di concepimento di un bambino è noto a tutti da molto tempo. Ma non tutti possono capirlo a livello cellulare. La cellula riproduttiva maschile è uno spermatozoo delle dimensioni fino a 50 micrometri e, dopo aver eiaculato nella vagina di una donna, deve percorrere un percorso più lungo decine di migliaia di volte delle sue dimensioni.
Maggiori dettagli
Fecondazione in vitro: pro e contro 27.03.2020
Fecondazione in vitro: pro e contro
Secondo le statistiche, il 20% delle coppie affronta i problemi del concepimento. Le difficoltà possono sorgere per diversi motivi, tra cui prevalgono i problemi della salute individuali.
Maggiori dettagli