Tipi degli embrioni per fecondazione in vitro

19.06.2020
Categoria:

La selezione dell’embrione, che verrà inserito nell’utero della donna, è uno dei momenti più difficili durante la fecondazione in vitro. In effetti, l’intera gravidanza dipende dalla qualità e dal grado di sviluppo dell’embrione. Solo un embrione vitale sarà in grado di aderire, continuare lo sviluppo nell’utero e svilupparsi ulteriormente in un feto sano.

Occorre anche capire che non tutti gli ovuli sono in grado di essere fecondate e in futuro di “diventare” un buon embrione. Pertanto, l’embriologo è una persona importante durante la procedura di fecondazione in vitro. Determina quali uova possono essere fecondate, quindi coltiva gli embrioni nell’incubatrice e durante questo periodo controlla la crescita e la qualità degli embrioni. E alla fine dà la conclusione quali sono gli embrioni che potranno impiantarsi bene e continueranno il loro pieno sviluppo.

Per capire come avvengono la valutazione e la classificazione della qualità, analizzeremo innanzitutto lo sviluppo dell’embrione in un’incubatrice, anche prima che venga inserito nell’utero.

Come si sviluppa un embrione al fuori dal corpo di una donna?

Dopo la procedura di prelievo degli ovociti, l’embriologo li “pulisce” e valuta quale uovo userà. Quindi vengono fertilizzati dallo sperma. Esistono 2 metodi che vengono usati dai medici: in vitro – in una “provetta”, viene aggiunta una goccia di liquido agli ovociti in cui galleggiano gli spermatozoi pronti per la fecondazione, e l’ICSI è un metodo in cui uno sperma selezionato viene iniettato direttamente nell’uovo usando uno microneedle speciale.

Già dopo 15-17 ore inizia la fusione del materiale genetico materno e paterno. Questo giorno si chiama il giorno zero.

  • Il primo giorno – si forma uno zigote – una cellula che contiene già un doppio set dei cromosomi.
  • Il secondo giorno – schiacciamento – si formano i primi 2, 3 e alla fine 4 blastomeri. In questa fase, è già possibile valutare la qualità dell’embrione in base al grado di frammentazione, dimensione e forma dei blastomeri.
  • Il terzo giorno – continua la fase di frantumazione – ora l’embrione è composto da 6 a 8 cellule. Durante questo periodo, anche la sua qualità viene valutata secondo gli stessi criteri. In alcuni casi, in questa fase è già possibile trasferire un embrione nell’utero.
  • Il quarto giorno – inizia lo stadio della morula – l’embrione è già composto da 10-14 cellule. Le sue pareti sono levigate e all’interno si forma una cavità. Quando la cavità occupa il 50% o più, esso viene chiamato blastocisti.
  • 5-6 giorni – lo stadio di blastocisti è il periodo migliore per l’impianto di embrione nella parete uterina. A questo punto, lo sviluppo e le dimensioni della cavità della blastocisti sono importanti. Man mano che la blastocisti cresce, il suo guscio esterno diventa più sottile e si rompe nel tempo. L’embrione ne esce e si attacca alla parete dell’utero, dove poi si svilupperà durante la gravidanza.

Da cosa può dipendere la qualità degli embrioni?

Prima di tutto, la qualità dell’embrione formato dipende dallo stato di salute delle cellule germinali dei genitori. Se sono pieni, sani e senza patologie, le possibilità di successo aumentano significativamente.

Il fattore successivo è la qualifica del personale della clinica e dell’attrezzatura con cui viene effettuata la coltivazione. Gli embrioni nella fase di sviluppo sono estremamente sensibili a qualsiasi cambiamento e, con il minimo disturbo, possono fermare il loro sviluppo.

E l’ultimo fattore al quale un medico non può più influenzare sono le anomalie cromosomiche. Lo sviluppo dell’embrione “in vitro” dipende direttamente dalla loro presenza. Potrebbero non permettergli di ottenere un punto di attaccamento sulla parete dell’utero, non fermare il processo di frantumazione in tempo e molto altro.

Al fine di prevenire tali complicazioni, il medico valuta la qualità dell’embrione ogni giorno e talvolta più volte al giorno.

Al fine di prevenire tali complicazioni, il medico valuta la qualità dell’embrione ogni giorno e talvolta più volte al giorno.

Come viene valutata la qualità dell’embrione?

Il più informativo è la valutazione dello sviluppo della dinamica durante l’intero periodo di coltivazione dell’embrione. Un medico riproduttivo monitora e registra tutti i cambiamenti che vengono verificati in ciascun embrione in un giorno specifico. Di solito non più di una volta al giorno, li estrae dall’incubatrice e li osserva sotto un grande ingrandimento del microscopio. È importante farlo rapidamente, perché l’embrione è sensibile ai cambiamenti ambientali.

Gli embrioni sono valutati secondo i seguenti criteri:

  • aspetto: devono essere della forma corretta, senza deformazioni, di dimensioni diverse e senza ispessimenti.
  • numero di cellule e dimensione totale – questi criteri dovrebbero essere coerenti con il giorno dello sviluppo.
  • la presenza di cellule prive di nucleo – non dovrebbero essere superiori al 25% del numero totale.
  • la presenza di inclusioni intracellulari – non dovrebbero essere, poiché può verificarsi la distruzione cellulare, attraverso strutture che si sono formate all’interno della cellula.

Dopo ogni valutazione, il medico classifica gli embrioni in base alla qualità e alla possibilità di impianto. Per tutto il tempo, fa l’embryo protocollo, dove registra eventuali cambiamenti.

Classifica degli embrioni.

Molto raramente, tutti gli embrioni si sviluppano bene durante l’intero periodo di incubazione, quindi i medici devono capire quali sono vitali e quali no. E infine vengono controllati e classificati nel ​​giorno del transfer. Di solito questo è il 5 ° giorno dopo la fecondazione. È il più informativo per determinare la potenzialità degli embrioni e con un’alta probabilità possiamo dire quali si attacchino e saranno in grado di svilupparsi pienamente e quali no.

Al fine di capire meglio quali embrioni sono adatti per il transfer, ogni giorno il medico assegna loro un codice di qualità, che consiste in una cifra (fase di sviluppo dell’embrione) e due lettere (la prima è responsabile della formazione del feto e la seconda della possibilità di attaccamento e formazione della placenta con corion).

I numeri sono punti da 1 a 6, dove 1 è una blastocisti precoce, 6 – un embrione maturo è pronto per impianto.

Le lettere sono una valutazione per la qualità, dove A è un buon embrione, D è di scarsa qualità.

Tutto questo è registrato in embryo protocollo. Questo è un diario in cui l’embriologo registra tutti i dati e i cambiamenti in ciascun embrione dal primo all’ultimo giorno di coltivazione.

Ad esempio, gli embrioni con il codice “3AB”, “2AA”, “4BB” sono blastocisti con un alto potenziale riproduttivo, “2BB”, “2CB” sono di media qualità. A loro volta, 1CD, 2CC, 2DD sono blastocisti di bassa qualità e la possibilità di attaccamento all’utero è molto bassa.

Occorre notare che spesso gli embrioni con il codice “2BB”, “2С”, dopo un breve periodo di tempo possono trasformarsi in “4” “3”. Pertanto, non si dovrebbero trarre conclusioni fino al giorno del impianto.

Inoltre, questa classificazione definisce  se l’embrione può essere crioconservato. Secondo le statistiche, solo le blastocisti mature e di alta qualità possono sopportare il congelamento e quindi continuare il loro sviluppo.

Di sicuro, la medicina non si ferma e oggi ci sono metodi più moderni per controllare l’embrione. Recentemente, la tecnologia di monitoraggio continuo è stata introdotta usando la microscopia time-lapse. Un microscopio con un programma di fotografia automatica viene inserito in un’incubatrice speciale, dopo un certo periodo di tempo. Quindi i materiali vengono inviati a un computer condiviso e, dopo aver ricevuto le foto finite, valuta e dà un’opinione sullo sviluppo e sulla qualità dell’embrione.

Un grande vantaggio di questo metodo è che consente di valutare la dinamica dello sviluppo dell’embrione, la sua qualità, senza rimuoverlo dall’incubatrice, il che riduce l’impatto esterno negativo sull’embrione e quindi non peggiora la sua qualità.

  • Contattateci

    La maternità surrogata può provocare tante domande, incertezze e preoccupazioni. Non preoccupare! La nostra conoscenza ed esperienza hanno già aiutato alle coppie a far luce su tutti gli aspetti di questo problema. Sarete anche voi i genitori felici con il nostro aiuto!

  • Potresti essere interessato a:
    06.10.2017
    La differenza tra IVF e ICSI
    Oggi, i genitori possono diventare anche quelle coppie, che molti anni sognavano per la nascita di un bambino. Le moderne tecnologie riproduttive fanno i miracoli. La maggior parte dei problemi di salute che conducono all’infertilità, non più spaventano e non portano l’orrore.
    Maggiori dettagli
    24.04.2020
    Sanguinamento dopo fecondazione in vitro
    La fecondazione in vitro è un passo molto serio e importante nella vita di una coppia. Questa procedura li aiuta a realizzare il sogno tanto atteso: diventare i genitori. La fecondazione in vitro comprende molte fasi che attraversano sia un uomo che una donna.
    Maggiori dettagli
    18.06.2020
    Ormone antimulleriano e fecondazione in vitro
    Il sistema riproduttivo femminile dipende molto dall'attività ormonale nel suo corpo. Fondamentalmente, sono sufficienti alcuni esami del sangue e si possono trarre conclusioni sul sistema riproduttivo femminile.
    Maggiori dettagli
    Richiedere una chiamata
    * Required fields