Sindrome di Asherman o sinechie intrauterine

10.04.2020
Categoria:

Il problema dell’infertilità è molto rilevante nel nostro tempo. E nonostante il fatto che la medicina di oggi si stia sviluppando abbastanza rapidamente, le statistiche mostrano solo un aumento delle coppie sterili nel mondo. La sterilità femminile è divisa in 2 grandi categorie: mancanza di concepimento e incapacità di dare alla luce un bambino. Il problema di un aborto spontaneo è più grave. Poiché esistono molti metodi medici per l’inseminazione artificiale, come la fecondazione in vitro (IVF) e l’inseminazione intrauterina (IUI), ed è più difficile far fronte all’incapacità di gestare un bambino e spesso nei casi trascurati o gravi, è incurabile.

Una delle cause dell’aborto spontaneo è la sindrome di Asherman, o come vengono anche chiamate le sinechie intrauterine. La causa più comune dello sviluppo della sindrome è il danno traumatico al endometrio uterino derivante da frequenti procedure diagnostiche sull’utero, l’interruzione artificiale della gravidanza e interventi chirurgici.

La sindrome di Asherman o le sinechie intrauterine è una condizione patologica durante la quale si formano aderenze e cicatrici nell’utero, risultanti da lesioni, interventi chirurgici e frequenti malattie infettive. Le sinechie, che si formano a causa dei fattori esterni, sono costrizioni, fili, pellicole, con una forma di ragnatele o solidi.

Cause dello sviluppo della sindrome di Asherman.

La cavità uterina, dall’interno, è coperta dell’endometrio, che consiste di 2 strati: lo strato funzionale – esfolia e lascia ogni mese durante le mestruazioni e lo strato basale – ripristina il funzionale ogni volta dopo le mestruazioni. Il danno allo strato basale porta alla formazione delle sinechie e ad una diminuzione del lume dell’utero.

Spesso ciò accade dopo un aborto, un raschiamento strumentale o manuale della placenta durante il parto, il curettage dopo un aborto spontaneo e altri interventi chirurgici sulla cavità uterina, in cui possono formarsi cicatrici intrauterine e successive aderenze.

Inoltre, un fattore stimolante per la comparsa delle sinechie intrauterine è: dispositivi intrauterini, che possono avviare il processo infiammatorio, la tubercolosi genitale può causare l’endometrite cronica, che spesso causa lo sviluppo delle forme gravi della sindrome di Asherman e l’obliterazione dell’intera cavità uterina e quindi l’utero non può accettare e trasportare un ovulo.

I sintomi delle sinechie intrauterine

  I principali sintomi che le donne lamentano ai medici sono:

  • Cambiamenti nel ciclo mestruale. Riduzione della quantità del sangue e la durata delle mestruazioni, fino all’amenorrea.
  • Infertilità: lo sperma non può raggiungere l’uovo o l’embrione non può attaccarsi alla parete dell’utero.
  • Frequenti aborti spontanei ripetuti che si verificano senza fattori esterni.

A volte, una donna non nota alcun sintomo e può scoprirli solo se viene esaminata da un medico. Tutto dipende dalla gravità e dalla forma del processo. Pertanto, è così importante condurre esami preventivi, e soprattutto prima di rimanere incinta.

Gradi e forme della sindrome di Asherman

Le sinechie intrauterine sono classificate in base alla loro struttura e distribuzione nell’utero.

Secondo le strutture le sinechie vengono divisi in: 

  • Forma leggera – ci sono sinechie di film di fibrina, che sono facilmente sezionabili.
  • La forma di gravità moderata è densa, fibre muscolari fibrinose, quando si tenta di dissezionare, iniziano a sanguinare.
  • Una forma grave è il tessuto connettivo, che con la forma di un ponte passa nella cavità uterina da una parete all’altra. E non possono essere dissezionati su base ambulatoriale, è necessaria un’operazione a tutti gli effetti.

Gradi:

  • Il primo grado – le sinechie occupano il 25% della cavità uterina e non vanno oltre i suoi limiti.
  • Il primo grado – le sinechie occupano il 25% della cavità uterina e non vanno oltre i suoi limiti.
  • Il secondo stadio – le sinechie sono distribuite al 75%, anche le bocche dei tubi sono colpite..
  • Il terzo grado è l’intera cavità uterina che si riempie delle saldature.

Diagnosi della sindrome di Asherman

Prima di tutto, dopo aver identificato i disturbi, il medico raccoglie un’anamnesi sulle precedenti gravidanze, se sono stati eseguiti il ​​curettage dell’utero, l’aborto e le malattie infettive e infiammatorie degli organi genitali.

Per una diagnostica strumentale, i medici usano l’ecografia e l’isteroscopia. All’ecografia, il medico può sospettare che ci sia sinechia nell’utero. Ma la conferma richiede l’isteroscopia, che è il “gold standard” nella diagnosi delle sinechie intrauterine.

Si permette di visualizzare la cavità uterina interna e quindi vedere l’intera immagine dall’interno e valutare la diffusione del processo. Una biopsia della sinechia viene spesso eseguita per l’esame istologico.

Trattamento della sindrome di Asherman

Il trattamento è prescritto a seconda della distribuzione delle sinechie nell’utero e della loro struttura. Il principale metodo di trattamento è quello chirurgico, il cui scopo è rimuovere le aderenze intrauterine, sezionando in realtà le sinechie. A seconda dello stadio della malattia, questo può essere fatto con due metodi.

  • Una forma lieve o moderata della sindrome non è difficile da trattare. Usando l’isteroscopia operativa, una sinechia viene sezionata usando forbici o mini elettrodi. L’obiettivo principale è la rimozione leggermente traumatica delle aderenze intrauterine, il ritorno della piena funzione mestruale e la fertilità.
  • Una forma grave del processo patologico, insieme all’isteroscopia, richiede l’uso delle misure aggiuntive, come la laparoscopia, per proteggere l’utero dalla perforazione. Va inoltre ricordato che una significativa area di obliterazione della cavità uterina e / o delle tube di Falloppio, un trauma profondo all’endometrio e il miometrio richiedono diversi interventi chirurgici per ridurre il carico sul corpo.

Nel periodo postoperatorio, una donna subisce anche un ciclo di trattamento ormonale, che consoliderà il trattamento

Questa sindrome di Asherman ha un alto rischio di recidiva. Pertanto, dopo un po ‘, una donna viene sottoposta alla isteroscopia preventiva al fine di monitorare l’efficacia del trattamento e la diagnosi precoce della ricaduta e della diffusione della malattia.

Cosa fare quando il sindrome è incurabile?

A volte, in casi gravi, anche dopo complessi interventi chirurgici e trattamenti ormonali, non si ottengono risultati positivi e la gravidanza non si verifica. In questo caso, i medici raccomandano di utilizzare la procedura di maternità surrogata.

La maternità surrogata – è una tecnologia riproduttiva per aiutare le donne sterili che non possono gestare un bambino. Consiste nel prendere del materiale biologico (sperma e uovo) da una coppia sposata, creando un embrione che viene poi trasferito nella cavità uterina di un’altra donna che accetta di gestare e dare alla luce un bambino (una madre surrogata). Pertanto, questa procedura ha tali aspetti positivi:

  • La coppia sicuramente avrà figli;
  • I bambini assomigliano ai loro genitori;
  • Una donna in buona salute gesta e partorisce un bambino, questo riduce i rischi;
  • La coppia è fiduciosa nella salute genetica del bambino e sa a chi assomiglierà.

Non c’è bisogno di rimanere male e arrendersi se il medico ti ha detto dell’impossibilità di gestare un bambino. Ci sono sempre opzioni. Devi provare diversi metodi ed avrai la tua casa piena dei bambini felici.

  • Contattateci

    La maternità surrogata può provocare tante domande, incertezze e preoccupazioni. Non preoccupatevi! La nostra conoscenza ed esperienza hanno già aiutato le coppie a far luce su tutti gli aspetti di questo problema. Sarete anche voi i genitori felici con il nostro aiuto!

  • Potresti essere interessato a:
    13.07.2015
    Kim Kardashian è incinta grazie alla FIVET
    Kim Kardashian e Kanye West aspettano il secondo bambino, e questa volta è un maschietto. Il suo trattamento costoso con l’aiuto di procedura di FIVET, finalmente, ha dato il risultato positivo dopo d’anni di tentativi falliti.
    Maggiori dettagli
    22.06.2020
    Varicocele
    Fino a poco tempo fa, si riteneva che il matrimonio sterile fosse generalmente dovuto a problemi di salute delle donne. Ma gli studi moderni dimostrano che l'infertilità maschile rappresenta circa il 45-49% di tutti i casi e può essere associata a molte malattie del sistema riproduttivo maschile, ma una delle malattie comuni associate all'infertilità è il varicocele.
    Maggiori dettagli
    03.07.2019
    IVF protocolli
    Grazie agli ultimi ritrovati della medicina contemporanea di riproduzione assistita, ed in particolare, ai metodi di fecondazione in vitro, tante coppie che hanno sofferto di infertilità per molti anni , ottengono una possibilità di avere propri figli.
    Maggiori dettagli
    Richiedere una chiamata
    * Required fields