Il processo di Maternità sostitutiva nell’ Australia

14.09.2015

Gli scienziati dell’ Australia hanno esortato per risolvere la questione di maternità sostitutiva “commerciale” nel paese.

Le Leggi dell’Australia provvedono la responsibilità criminale del processo della maternità sostitutiva per ottenimento dei soldi dai genitori biologici del bambino.

I dottori Australiani che lavorano nella sfera della medicina riproduttiva, si sono appellati al governo del paese per cambiare la legislazione sulla maternità sostitutiva.

Oggi in alcuni stati è autorizzata solo la maternità sostitutiva “altruistica”, che presuppone nessun ricompenso alla donna che ha accettato di portare in grembo il bambino degli altrui.

La violazione di questa legge può causare la carcerazione sia ai genitori biologici, sia alla madre surrogata. Per questo motivo le coppie infertili vanno ad altri paesi, dove la legislazione è più leale sulla questa procedura.

Gli scienziati dal centro di medicina riproduttiva nella città di Canberra (Canberra Fertility centre) hanno interrogato le 112 coppie sposate che hanno realizzato il loro desiderio di diventare i genitori, grazie alle donne Indiane e quelle di Thailandia.

Come è stato scoperto, nel 55% dei casi le madri surrogate avevano una gravidanza policarpica, e il 45% di neonati sono stati nati prima del termine. Tutti e due i fattori sono molto sfavorevoli per la salute dei bambini. A sua volta, le cliniche australiane hanno gli indicatori simili molto più bassi.

Oltre alle conseguenze negative per la salute dei bambini, la maternità sostitutiva all’estero ha anche un altro aspetto – economico. Il trattamento di tali bimbi sarà effettuato in Australia a scapito del bilancio dello Stato, siccome in questo paese c’è un sistema dell’assistenza sanitaria statale.

Tante persone hanno esortato Tony Abbott , il primo ministro dell’Australia, per riconsiderare la sua posizione, pero all’inizio d’Agosto il primo ministro ha rifiutato la possibilità di legalizzazione di maternità sostitutiva commerciale.

Richiedere una chiamata
*Required fields