L’endometriosi: che cos’è? Sintomi, trattamento e gravidanza

01.07.2019
Categoria:

L’endometriosi è una malattia ginecologica quando alcune cellule della mucosa uterina s’allargano al di fuori dell’utero. L’endometriosi è una malattia benigna, causata dai disordini ormonali e immuni dell’organismo femminile. Nei molti casi, la sterilità femminile è causata dall’endometriosi, ci potrebbero essere presenti anche le miome o altre infiammazioni dei genitali.

Diversi tipi dell’endometriosi:

  • endometriosi interna vaginale (adenomiosi), allargamento dell’endometrio nel tessuto musculare dell’utero;
  • endometriosi esterna – presenza dell’endometrio sugli organi sessuali esterni, vagina, sulla cervice uterina, tubi di Falloppio, peritoneo
  • endometriosi extragenitale – presenza del tessuto dell’endometrio sull’intestino, sulla vescica, sulle cicatrice chirurgiche, sui polmoni, sulla pleura, sul diaframma.
  • la forma peritoneale dell’endometriosi può differire sulla base della sua pigmentazione (bianco, rosso-azzurro, marrone-nero) e la fibrosi.
  • la forma cistica e ovarica è caratterizzata dalla formazione dei cisti ovarici endometriosi. Il fattore più importante in un tal caso è la quantità e il carattere delle aderenze.
  • la forma dell’endometriosi rectovaginale è suddivisa in profondo (nell’utero) e superficiale (nelle ovaie, le tube di Falloppio, i legamenti uterini).

Diversi frammenti dell’endometrio, portato agli altri organi, si cambiano nella stessa maniera come l’endometrio nell’utero – cioè, hanno mestruazione, che viene sono accompagnata dal dolore e emanazioni di sangue. L’endometriosi potrebbe causare le ciste e sterilità.

Sintomi dell’endometriosi

A volte l’endometriosi cova senza sintomi da tanto tempo. Però, la maggior parte delle pazienti hanno i sintomi:

  • dolore pelvico di una certa localizzazione oppure è distesa sul pavimento pelvico. Di solito, si rafforza prima del ciclo, ma potrebbe essere persistente;
  • il cicl doloroso (più della metà delle pazienti con l’endometriosi);
  • atto sessuale doloroso;
  • dolori all defecazione o all minzione;
  • il cicl abbondante e lungo, specialmente, durante l’endometriosi interna, sviluppato nell’utero;
  • anemia per la perdita del tanto sangue mestruale;
  • sterilità, nel 25-40 per cento degli ammalati. Spesso per i cambiamenti nelle ovaia e nei tubi e disturbo dell’ovulazione. Ostacola la gravidanza.

Diagnostica

Solo il ginecologo può definire l’endometriosi sulla base degli esami clinici e ginecologici complessi per escludere la possibilità d’altre malattie femminili. Alcuni controlli supplementari potrebbe esser richiesti:

  • Ultrasonografia dei organi di piccola pelvi;
  • l’isterosalpingografia (Raggi X dell’utero e tube di Fellopio);
  • laparoscopia diagnostica è l’operazione chirurgica insignificante che permette d’esaminare gli organi di piccola pelvi con l’aiuto d’una camera speciale introdotta attraverso la cavità addominale.

Trattamento

AOggi l’endometriosi può esser trattata con l uso degli ormoni o con un intervento chirurgico.
Il trattamento medicinale consiste nella prescrizione di un farmaco ormonale che la paziente assume da un periodo, consigliato dal medico.. Il farmaco normalizza la funzione delle ovaia e previene l’apparizione dei nuovi focolai di endometriosi. Comunque, questo metodo è efficace solo ad uno stadio iniziale della malattia, quando non ci sono ancora i cisti. Il metodo chirurgico è molto più efficace. Questo metodo si usa, quando è necessario togliere una cisti delle ovaia, o quando il trattamento medicinale dell’endometriosi aveva dato i risultatii. Adesso il metodo è basato su una laparoscopia che permette d’effettuare l’operazione attraverso una piccola sezione con l’aiuto d’un laser. Comunque, dopo l’operazione è necessario ricorrere ad un corso medicinale e un corso di terapia fisica, per la normalizzazione del ciclo mestruale. L’utero può essere tolto chirurgicamente nel caso della endometriosi grave o se la donna non vuole avere figli.

Potresti essere interessato a:
15.07.2015
I primi bambini sono stati nati in Italia con l’aiuto degli ovuli di donatrici
Meno di un anno fa in Italia è stato annullato il divieto per l’uso degli ovuli di donatrici in programmi per curare la sterilità.
Maggiori dettagli
30.09.2015
L'uso degli ovuli congelati durante la FIVET riduce la probabilità di concezione del bambino
La fecondazione in-vitro (FIVET) è il metodo più efficace per superare la sterilità. Tradizionalmente gli ovuli per effettuare la procedura di FIVET ricevuti dal organismo della donna vengono subito fecondati in vitro. Durante 2–5 giorni gli ovuli fecondati si mettono nella piastra di Petri, dove vengono incubati in condizioni speciali, e poi gli embrioni maturati […]
Maggiori dettagli
06.10.2017
Differenza tra IVF e ICSI
Oggi, i genitori possono diventare anche quelle coppie, che molti anni sognavano per la nascita di un bambino. Le moderne tecnologie riproduttive fanno i miracoli. La maggior parte dei problemi di salute che conducono all’infertilità, non più spaventano e non portano l’orrore.
Maggiori dettagli
Richiedere una chiamata
*Required fields