Sindrome delle ovaie policistiche. Cause, sintomi, trattamento, prevenzione.

09.11.2020
Categoria:
Sindrome delle ovaie policistiche. Cause, sintomi, trattamento, prevenzione.
In questo articolo

La sindrome dell’ovaio policistico (SOP), o sindrome di Stein-Leventhal, è una malattia poliendocrina del sistema riproduttivo femminile, caratterizzata dall’ispessimento della capsula ovarica, da un aumento delle loro dimensioni e dalla proliferazione di un gran numero di cisti. Le cisti si formano nel posto dei follicoli che hanno smesso di svilupparsi.

Secondo le statistiche, dal 4% all’11%, le donne in età riproduttiva, affrontano questo problema. Nel 94% dei casi, la malattia è accompagnata da infertilità femminile. Tali pazienti sono considerati a rischio per lo sviluppo di condizioni precancerose e ipoplasiche. Pertanto, questa è una malattia molto grave che richiede un’attenzione speciale.

Motivi di sviluppo

La causa esatta dello sviluppo della malattia policistica è sconosciuta. E ci sono ancora discussioni e ricerche attive.
È noto che si verifica a causa di un aumento degli androgeni (ormoni maschili) nel corpo femminile. Pertanto, si verifica uno squilibrio ormonale e l’uovo non si sviluppa completamente, l’ovulazione non si verifica. E le cisti si sviluppano nel posto del follicolo. Ciò porta a un completo fallimento del ciclo mestruale e del lavoro del sistema riproduttivo femminile e del corpo nel suo insieme.

Uno dei fattori provocatori che contribuiscono allo sviluppo della malattia può essere il sovrappeso. Pertanto, le donne dovrebbero monitorare il loro indice di massa corporea. Inoltre, l’obesità può essere un sintomo della malattia. Ci sono casi in cui alla presenza di malattia, è possibile riprendersi solo dopo perdita di peso.
Inoltre, i fattori di sviluppo possono essere malattie infettive infantili, malattie infiammatorie del sistema riproduttivo, eventi stressanti.
Spesso le pazienti hanno una predisposizione genetica alla malattia. Secondo la ricerca, ci sono diversi geni nel corpo che sono responsabili della produzione di insulina. E se uno di loro ha cambiamenti, l’assimilazione dell’insulina viene disturbata e le ovaie, a loro volta, iniziano a formare attivamente androgeni maschili in grandi quantità.

Sintomi

Molto spesso, la malattia trascorre senza sintomi e manifestazioni evidenti. I primi segni possono comparire nell’adolescenza, quando il ciclo mestruale inizia a stabilirsi. Tuttavia, ci sono sintomi vividi che caratterizzano la malattia:

  1. Violazione del ciclo mestruale. Ritardi regolari, a volte fino a 6 mesi, nessuna mestruazione.
  2. Irsutismo. Crescita eccessiva dei capelli, modello maschile. I peli possono apparire sul petto, sulle gambe, sul viso, sulla schiena e su altre aree.
  3. Aumento del peso corporeo. L’obesità si sviluppa di tipo addominale, cioè sulla pancia.
  4. Sviluppo di ipertensione arteriosa.
  5. Infertilità. In età adulta, questo potrebbe essere l’unico segno di malattia.
  6. Sviluppo del diabete mellito di tipo 2 con sintomi corrispondenti.
  7. Eruzione cutanea sotto forma di acne e seborrea.
  8. Cambiamenti psico-emotivi: irritabilità, sonnolenza, apatia e aggressività immotivata.

Questi sintomi possono spesso essere segni di altre malattie. E quindi, il medico, per una determinazione accurata, deve condurre una diagnosi strumentale e di laboratorio a tutti gli effetti.

Diagnosi

Prima di tutto, il ginecologo esamina la donna e raccoglie una storia di vita dettagliata.

Quindi la manda alla consegna degli esami di laboratorio:

  • analisi generali;
  • Ormoni tiroidei;
  • ormone luteinizzante;
  • Testosterone sierico;
  • Prolattina.

Il passo successivo è la diagnostica strumentale:

  • Ecografia degli organi pelvici. Durante il quale si può visualizzare direttamente la presenza di cisti sulle ovaie.

Inoltre, il medico può utilizzare metodi diagnostici aggiuntivi per escludere altre malattie.

Trattamento della malattia policistica

Oggi la medicina non può vantare l’unico e completo metodo di trattamento. Sfortunatamente, è impossibile curare completamente la sindrome dell’ovaio policistico. L’obiettivo principale di tutte le strategie è ripristinare la salute sessuale di una donna, assistere una gravidanza sana e alleviare i sintomi che hanno un impatto negativo sulla vita di una donna.

A seconda della causa della malattia, dei sintomi, dell’equilibrio ormonale e di molti altri fattori, il medico può utilizzare trattamenti diversi.
Prima di tutto, i medici raccomandano di privarsi del peso in eccesso. Ma qui è importante non solo seguire una dieta a digiuno rigorosa, ma un approccio integrato: alimentazione equilibrata e attività fisica. Il digiuno può esacerbare i sintomi.
Molto spesso nelle giovani donne, questo è sufficiente per ripristinare il ciclo mestruale e alleviare altri sintomi spiacevoli.

Anche se a volte è necessario utilizzare la terapia farmacologica, che include:

  • Contraccettivi ormonali;
  • Farmaci estrogeno-progesterone;
  • Medicinali che migliorano l’assorbimento dell’insulina

Se c’è un gran numero di cisti che non si restringono con i farmaci, è necessario eseguire un intervento chirurgico. Le cisti possono essere rimosse e viene eseguita la chirurgia ovarica. A volte solo la rimozione dell’ovaia colpita può aiutare.

Il trattamento dell’infertilità viene effettuato dopo la terapia generale e la correzione del peso della donna. Affinché la gravidanza abbia luogo, il medico può condurre una stimolazione controllata dell’ovulazione delle ovaie. Durante esso si formano le uova, che possono essere fecondate. Per aumentare le possibilità di gravidanza, possono essere utilizzate tecnologie di riproduzione assistita: fecondazione in vitro, ovuli di donatori. In caso di aborti frequenti e aborti spontanei, vale la pena rivolgersi alla maternità surrogata.
Una strategia di trattamento completa viene selezionata individualmente e in base alle esigenze della paziente.

Prevenzione

Il miglior trattamento per qualsiasi malattia è la prevenzione. Pertanto, è importante monitorare il tuo peso, controllare la tua dieta e mantenere sempre la tua forma fisica, quindi la possibilità di sviluppare questa malattia è molto inferiore.

È inoltre necessario sottoporsi agli esami preventivi da un ginecologo e fare i test appropriati, almeno una volta all’anno e dopo 45 anni, ogni sei mesi. Dopotutto, se far scoprire la malattia nelle fasi iniziali dello sviluppo, le possibilità di guarigione sono molto maggiori, con meno complicazioni.

Potresti essere interessato a:
06.05.2020
La qualità degli ovociti e come migliorarla
Molti studi scientifici in tutto il mondo hanno dimostrato che la qualità delle cellule sessuali dei genitori ha un impatto diretto sul successo del concepimento. Anche il processo di sviluppo dell'embrione e la sua vitalità dipendono da questo.
Maggiori dettagli
19.06.2020
Adenomiosi uterina
Oggi parleremo della malattia dell'utero, che occupa il terzo posto tra le malattie femminili più comuni: l'adenomiosi uterina. Ma prima di ciò, considera brevemente la struttura dell'utero.
Maggiori dettagli
09.04.2020
Se ci sia bisogno di un “riposo” tra le procedure di fecondazione in vitro?
Un riposo nelle procedure di fecondazione in vitro è una delle raccomandazioni della maggior parte dei medici. Alcuni esperti consigliano di sdraiarsi per 15-25 minuti dopo la fecondazione in vitro, altri insistono sulla necessità di limitare l’attività fisica durante il giorno o anche per qualche giorni.
Maggiori dettagli