Relazione genetica di un bambino in un programma di maternità surrogata

03.02.2021
Relazione genetica di un bambino in un programma di maternità surrogata
In questo articolo

La maternità surrogata è una tecnologia di riproduzione assistita che consente ai genitori parzialmente sterili (deve esserci almeno il materiale genetico di un genitore) di avere un figlio geneticamente loro. Questo è un processo piuttosto complicato e lungo. Ma è proprio quello che aiuta con le diagnosi disperate come: gravi malformazioni dell’utero, aborti frequenti, un forte squilibrio ormonale che non può essere corretto, la completa assenza dell’utero o malattie oncologiche in cui la gravidanza è controindicata. La tecnologia consente a questi genitori di avere il loro bambino, senza rischi per la salute e la vita.

Ma, sfortunatamente, ci sono molti miti ed informazioni sbagliate sulla maternità surrogata. Soprattutto per quanto riguarda la relazione genetica del bambino.
La genetica è una nuova scienza che si sta sviluppando. Ma oggi può concedere le risposte a quelle domande.

Relazione genetica tra il bambino e la madre surrogata

Il bambino avrà i geni della madre surrogata? Questa domanda preoccupa molte coppie sposate che stanno pianificando di prendere parte al programma di maternità surrogata. Per comprendere questo è necessario capire come avviene il trasferimento genico durante la fecondazione fisiologica semplice.

Affinché si formi una nuova vita umana, sono necessarie due cellule: uno spermatozoo e un uovo. Ognuno di loro porta il 50% dell’intero codice genetico del nascituro. E quando si combinano, durante la fecondazione, si forma una cellula completamente nuova. In esso si possono trovare il 50% del DNA della madre e il 50% delle informazioni del padre, rispettivamente differenze esterne, carattere, comportamento e persino malattie, saranno le stesse di quelle dei genitori.

I tratti o le malattie specifiche dipendono dal gene presente: se il padre è incline all’obesità, ma la madre no, il bambino assomiglierà a quello i cui geni sono più forti. E il bambino porterà questa informazione genetica dal momento del concepimento fino alla fine della sua vita, trasmettendola ai suoi futuri figli.

La maternità surrogata è un metodo che utilizza le cellule dei genitori biologici (se sia possibile). L’ovulo viene prelevato dalla madre e lo sperma dal padre. Quindi, in laboratorio, viene eseguita la fecondazione in vitro, dove un embrione si sta sviluppando per qualche giorno. E solo dopo, viene messo nell’utero di una madre surrogata.
Nell’utero, l’embrione viene attaccato alla parete dell’utero e inizia a svilupparsi e crescere. Quindi, una madre surrogata solo gesta e dà alla luce un bambino.

Come abbiamo visto, nessuna informazione genetica da una madre surrogata non può essere aggiunta a quella esistente. Poiché, dopo la fecondazione, il bambino ha già un proprio codice genetico, che è il 50% della madre, il 50% del padre. Una madre surrogata può solo trasferire delle sostanze nutritive e microelementi utili a un bambino affinché si sviluppi completamente.

L’influenza di una madre surrogata su un bambino in gestazione

Tuttavia, la madre surrogata può influenzare lo sviluppo, le condizioni o la vita del bambino. Tra la madre surrogata e il bambino, c’è una barriera sangue-placentare che protegge il bambino dalle sostanze nocive, infezioni e altre cose che galleggiano nel sangue della madre. Il compito della essa è far passare solo gli oligoelementi utili che sono necessari per la crescita. Ma, sfortunatamente, non può respingere tutte le sostanze nocive che esistono.

Ad esempio, le particelle di tabacco, metalli pesanti, droghe, alcuni prodotti chimici. Possono provocare malformazioni o l’attivazione di una malattia genetica che è stata inserita nei geni dei genitori.

Inoltre, non può proteggere da tutti i virus e batteri. Pertanto, una madre surrogata può infettare un bambino e nascerà con una malattia infettiva. Nelle agenzie di maternità surrogata, effettuano con molta attenzione alla selezione di una madre surrogata. Le potenziali donne vengono esaminate completamente, eseguendo tutti i tipi di test e analisi.

Inoltre viene rigorosamente monitorano il suo stile di vita. È vietato fumare e bere alcolici durante la gravidanza. E le donne tossicodipendenti assolutamente non sono ammesse al programma. Questo è il motivo per cui i genitori che vogliono prendere parte alla maternità surrogata dovrebbero essere preoccupati. Dovrebbero contattare solo agenzie di fiducia che conducono la diagnostica e il controllo della madre surrogata.

Attaccamento emotivo di una madre surrogata a un bambino.

Ovviamente, ogni donna che porta un bambino per 9 mesi, sente il suo cuore ei suoi movimenti, la madre surrogata si preoccupa per lui. Ma queste sono solo preoccupazioni per la vita e la salute del bambino, che deve dare alla luce e passare ai suoi genitori. Oggi, la maggior parte degli studi mostra che l’85-90% delle madri surrogate non ha difficoltà psicologiche con il passare di un bambino a genitori biologici. Ciò è dovuto a molti fattori.

Innanzitutto, una donna che accetta volontariamente di prendere parte al programma si rende subito conto che questo non è suo figlio e gli dovrà passare ai genitori biologici.
In secondo luogo, tutte le agenzie, prima di registrare una madre surrogata nel database, la inviano per un consulto con uno psicologo. Le parla, apprende motivazioni, esperienze di vita e conduce anche test speciali. Quindi, determina se avrà problemi dopo il parto.

In terzo luogo, prima all’inizio del programma, la futura madre surrogata seguirà corsi e formazione speciali. Dove le raccontano tutto sui dettagli del programma, insegnano le tecniche di autoipnosi e come non attaccarsi psicologicamente al bambino. Inoltre, se compaiono i primi segni di attaccamento psicologico al bambino, la donna viene indirizzata a uno psicologo che conduce sessioni di terapia con lei.

A chi assomiglierà il bambino dopo il parto?

I tratti esterni del bambino sono formati dai geni dei genitori biologici. Sono loro (geni) che determinano il colore degli occhi, la forma del viso, il tipo di cuoio capelluto, la predisposizione a determinate caratteristiche. Quindi il bambino sarà al 50% come il padre e al 50% come la madre. Mi assomiglia a quello con i geni più forti.

Una madre surrogata, fisiologicamente non può trasferire a bambino nemmeno una piccola particella del suo genoma. Pertanto, un bambino non può avere alcuna somiglianza con una madre surrogata. A meno che non abbia somiglianze con i suoi genitori. Se la madre biologica ha gli occhi azzurri e la madre surrogata, questo non significa che il bambino abbia preso gli occhi dalla madre surrogata.

Tuttavia, a volte una coppia sceglie una madre surrogata, una persona cara, una sorella o una zia. In tal caso, il bambino avrà tratti caratteristici con lei. Ma ancora una volta, ciò è dovuto al fatto che questi tratti sono nel genoma e non sono stati acquisiti da una madre surrogata.

Devo fare un test del DNA dopo il parto?

Questa è una domanda interessante che molti genitori fanno. Secondo la legge ucraina, al termine dei programmi di maternità surrogata, i medici devono condurre un’analisi del DNA del bambino e dei genitori biologici. Questo viene fatto in modo che i genitori siano sicuri che il bambino sia geneticamente identico a loro e per i documenti legali.
Decine degli studi ed esperimenti hanno dimostrato che un bambino è sempre stato geneticamente identico ai suoi genitori. E non un singolo test al mondo ha mostrato alcuna connessione con una madre surrogata. Pertanto, non preoccuparti che il test del DNA non mostri somiglianze.

Ricorda, il bambino erediterà completamente tutto dai genitori, dalle caratteristiche esterne, al carattere e alle malattie genetiche. Da una madre surrogata, può contrarre una malattia, nell’unico caso se non ha aderito a uno stile di vita sano, ha fumato e bevuto alcol durante la gravidanza. Oppure durante questo periodo si ammalò di una malattia infettiva. Ma questo è strettamente monitorato dall’agenzia di maternità surrogata, che monitora il comportamento della donna e conduce una diagnostica regolare e completa di tutto il corpo.

Potresti essere interessato a:
17.04.2020
Diagnosi genetica preimpianto (DGP)
Ogni coppia che pianifica un bambino sogna che sia in buona salute. I programmi IVF e ICSI forniscono un'analisi speciale che consente di identificare le malattie genetiche del nascituro nelle primissime fasi di sviluppo. Tale analisi è la diagnosi genetica preimpianto.
Maggiori dettagli
06.10.2017
La differenza tra IVF e ICSI
Oggi, i genitori possono diventare anche quelle coppie, che molti anni sognavano per la nascita di un bambino. Le moderne tecnologie riproduttive fanno i miracoli. La maggior parte dei problemi di salute che conducono all’infertilità, non più spaventano e non portano l’orrore.
Maggiori dettagli
18.06.2020
Ostruzione delle tube. Che cosa è, i motivi, come combattere e come prevenire?
Tubi uterini (di Falloppio) - un organo tubolare accoppiato del sistema riproduttivo della donna che collega l'utero e le ovaie. In media, il diametro del tubo del canale è di 0,1 mm e la lunghezza è di 10-12 cm, in cui lo sperma incontra l'uovo, dove avviene la fecondazione.
Maggiori dettagli