Polipo e la FIVET

28.07.2020
Categoria:

I polipi uterini sono escrescenze benigne. Una crescita sul peduncolo si forma sul rivestimento dell’utero (endometrio). È associato all’eccessiva crescita delle cellule endometriali a causa dell’aumento dei livelli di estrogeni e dei vari processi infiammatori. Hanno una forma sferica o fungina e sono costituiti da un corpo e una gamba, che è attaccato alla parete dell’utero e all’esterno è coperto da cellule del rivestimento uterino.

Le dimensioni di un polipo possono essere diverse, che vanno da pochi millimetri a diversi centimetri, e possono anche sovrapporsi al canale cervicale.

Esistono i seguenti tipi di polipi:

  • Ghiandolare. Il polipo cresce dallo strato basale ed è formato da cellule ghiandolari. Più spesso formato in giovani donne.
  • Polipo fibroso dell’endometrio. È formato dal tessuto connettivo. Non ci sono praticamente componenti ghiandolari. Diagnosi in età avanzata.
  • Fibroso ghiandolare. I polipi sono formati dal tessuto connettivo e contengono un piccolo numero di ghiandole endometriali.
  • Adenomatoso. È il più pericoloso perché contiene cellule atipiche e può svilupparsi in un processo maligno.

Quali sono i sintomi?

Molto spesso, questa malattia è asintomatica e una donna potrebbe non sentire cambiamenti nel corpo fino a quando il polipo non diventa grande o non si forma un gran numero di essi. Pertanto, a volte vengono trovati polipi durante gli esami di routine. La caratteristica dei sintomi dipende dalla dimensione dal numero del polipo.

Ma ci sono diversi sintomi principali che possono indicare la presenza dei polipi:

  • Violazione del ciclo mestruale. Perdita dei cicli, cambiamenti nella loro durata
  • Cambiamenti nelle mestruazioni. Mestruazioni prolungate con sanguinamento abbondante.
  • Spotting bruno o sanguinante al di fuori delle mestruazioni. I coaguli di sangue possono fuoriuscire o avere un carattere imbrattato.
  • Dolore durante il rapporto.
  • dolore senza causa nell’addome inferiore.
  • Frequenti aborti precoci.
  • Completa sterilità durante un anno di attività sessuale attiva senza contraccezione.

Perchè appaiono i polipi?

Ci sono molte ragioni per la formazione dei polipi. Ma nella maggior parte dei casi ci sono diversi fattori provocanti che si sovrappongono.

Le cause più comuni sono:

  1. Violazioni sullo sfondo ormonale di una donna. Estrogeni costantemente alti e progesterone abbassato.
  2. Predisposizione genetica ai polipi.
  3. Un gran numero degli interventi chirurgici e manipolazioni sull’utero. Aborto, curettage diagnostico o terapeutico, uso prolungato di un dispositivo intrauterino.
  4. Frequenti aborti spontanei dopo i quali è stata effettuata una pulizia di scarsa qualità.
  5. Complicanze dopo il parto. Una placenta saldamente attaccata è scarsamente separata e altre lesioni allo strato mucoso e muscolare durante il parto.
  6. Malattie infettive infiammatorie acute. Endometrite, parametrite e altri.
  7. Vita sessuale promiscua senza contraccezione (possibile trasmissione dell’infezione).
  8. Disturbi endocrini. Diabete mellito, obesità, disturbi alla tiroide e altri.

Quando i polipi possono essere pericolosi?

I polipi più pericolosi che si trasformano in un processo maligno. Ciò è particolarmente vero per gli adenomatosi. In questo caso, il papillomavirus umano e la predisposizione genetica alle malattie oncologiche svolgono un ruolo. Si raccomanda a tali donne di rimuovere il polipo immediatamente dopo la sua rilevazione.

Inoltre, grandi polipi possono bloccare il canale cervicale, il che rende impossibile la fecondazione.

Come si possono rilevare i polipi?

Se il polipo è grande o ci sono diversi polipi nell’utero, il medico può vederli durante un esame di routine. Un piccolo polipo che è difficile da rilevare durante l’esame di routine.

Spesso, sommando tutti i fatti, il medico può sospettare un polipo e inviare la donna a ulteriori esami:

  • Diagnostica di ecografia. Utilizzare tecniche transvaginali e addominali (convenzionali).
  • Isterosonografia: è come una normale ecografia, ma il medico inietta inoltre una soluzione salina nell’utero e la monitora attraverso un sensore. Quindi, può vedere anche un piccolo polipo e può dire con precisione la sua posizione e il numero.
  • Isteroscopia. Il medico vede la dimensione del polipo e può prendere un materiale bioptico per l’esame di laboratorio
  • Esame istologico della biopsia. Utilizzato per determinare il tipo di polipo e la presenza di cellule atipiche.

Di solito, il medico prima comunica con la paziente e “raccoglie” un’anamnesi, quindi esegue un esame sulla sedia ostetrica. Dalla diagnostica strumentale, l’ecografia viene eseguita a livello transvaginale e quindi il medico determina la necessità di ulteriori ricerche.

Quali sono i metodi di trattamento?

Il metodo principale per il trattamento dei polipi endometriali è chirurgico, vale a dire l’isteroscopia, durante l’intervento il medico ritaglia i polipi. Questo è considerato il modo migliore e mostra buoni risultati. Ma semplicemente rimuovere il polipo non è abbastanza, perché c’è una grande possibilità di ricaduta. È necessario combattere la causa della formazione di polipi. Pertanto, dopo la rimozione, la terapia ormonale viene assegnata alla donna. Ha lo scopo di prevenire le ricadute e normalizzare l’equilibrio ormonale di una paziente.

Inoltre, l’ablazione endometriale viene utilizzata per il trattamento. Durante questa procedura, i vasi endometriali vengono sigillati e quindi non si formano nuovi polipi. Poiché questa procedura è abbastanza traumatica per l’utero, è più spesso prescritta per le donne anziane che non hanno più intenzione di rimanere incinta.

Il metodo di trattamento dipende dalle condizioni della paziente, dalle ragioni per la formazione di polipi, dal loro numero e forma. Se viene installato un polipo di una forma adenomatosa con cellule atipiche, la donna viene indirizzata a un oncologo ginecologico, che descrive un trattamento più completo al fine di prevenire la formazione di nuovi polipi e processi cancerosi.

Per migliorare la salute generale, vengono prescritte vitamine che migliorano l’immunità, eseguono il trattamento anche delle malattie croniche e fanno raccomandazioni per i cambiamenti dello stile di vita.

È possibile prevenire i polipi?

Se la famiglia ha avuto casi di polipi uterini o la donna ha una tendenza ai polipi, si raccomanda la prevenzione della malattia.

Per fare questo, dovresti:

  • Trattare tempestivamente le malattie infiammatorie del sistema riproduttivo.
  • Esame preventivo regolare da parte di un ginecologo.
  • Selezione della contraccezione.
  • Trattamento completo di altri disturbi endocrini.
  • Ridurre il trauma all’endometrio (aborto, curettage, ecc.).
  • Stile di vita sano.

Gravidanza e polipi?

Prima di pianificare una gravidanza, è indispensabile sottoporsi a un esame completo per identificare i polipi esistenti. Se sono grandi o ce ne sono molti, è necessario rimuoverli prima della fecondazione. Con piccoli polipi, la gravidanza è possibile, ma c’è un’alta probabilità di aborto spontaneo. Pertanto, è importante che immediatamente dopo la fecondazione, una donna sia sottoposta a regolari esami nelle fasi iniziali e segua rigorosamente le raccomandazioni dei medici.

Spesso i polipi compaiono sullo sfondo dei gravi disturbi ormonali, che possono anche portare a infertilità. Per aumentare le possibilità di rimanere incinta, i medici raccomandano l’uso della fecondazione in vitro. L’essenza del metodo sta nel fatto che la fecondazione avviene al di fuori del corpo della donna e quindi un embrione a tutti gli effetti viene inserito nell’utero e si sviluppa lì.

I polipi adenomatosi possono degenerare in processi maligni che richiedono un trattamento abbastanza serio. Spesso, dopo tale trattamento, le donne non possono rimanere incinte e dare alla luce un bambino.

Si consiglia a queste donne di rivolgersi alla maternità surrogata. Questo metodo consiste nel fatto che un uovo e uno sperma vengono prelevati da una coppia sposata, la fecondazione viene eseguita utilizzando la fecondazione in vitro e quindi l’embrione viene impiantato in una madre surrogata, che gesta e dà alla luce un bambino. Ecco come la coppia ottiene il loro figlio genetico.

  • Contattateci

    La maternità surrogata può provocare tante domande, incertezze e preoccupazioni. Non preoccupare! La nostra conoscenza ed esperienza hanno già aiutato alle coppie a far luce su tutti gli aspetti di questo problema. Sarete anche voi i genitori felici con il nostro aiuto!

  • Potresti essere interessato a:
    19.06.2020
    Adenomiosi uterina
    Oggi parleremo della malattia dell'utero, che occupa il terzo posto tra le malattie femminili più comuni: l'adenomiosi uterina. Ma prima di ciò, considera brevemente la struttura dell'utero.
    Maggiori dettagli
    08.04.2020
    Impianto di un embrione: tempistica, segni, come succede con la fecondazione in vitro
    L'impianto di un embrione è l'introduzione di un ovulo fecondato o di un embrione creato nello strato interno dell'utero. Il buon esito della gravidanza e l'ulteriore sviluppo del feto dipenderanno dal corretto svolgimento di questo processo. Dal nostro articolo imparerai come e quando l'ovulo entra nell'utero, quali sintomi di impianto dell'embrione possono essere rilevati in una donna e come questo processo procede con la fecondazione in vitro.
    Maggiori dettagli
    31.03.2020
    Consigli da seguire prima di FIVET
    La fecondazione in vitro (FIV) è un metodo di fecondazione assistita che viene utilizzato se una donna avesse dei problemi di concepire. Il concepimento viene eseguito fuori dal corpo di una donna, ma sotto la stretta supervisione degli specialisti.
    Maggiori dettagli
    Richiedere una chiamata
    * Required fields