Adenomiosi uterina

19.06.2020
Categoria:

Oggi parleremo della malattia dell’utero, che occupa il terzo posto tra le malattie femminili più comuni: l’adenomiosi uterina.

Ma prima di ciò, considera brevemente la struttura dell’utero.

L’utero è un organo femminile del sistema riproduttivo, costituito da tre strati:

  • Perimetrio – membrana sierosa esterna. In realtà, è un foglio di peritoneo che ricopre l’utero dall’esterno.
  • Miometrio è lo strato muscolare. È costituito da muscoli lisci. È con l’aiuto delle sue contrazioni che il parto si verifica in modo naturale.
  • Endometrio – la mucosa interna dell’utero. La funzione principale dell’endometrio è quella di creare condizioni ottimali per l’attacco di un uovo fecondato alla parete uterina. Pertanto, ogni mese prima dell’ovulazione, cresce e se la fecondazione non si è verificata, quindi durante le mestruazioni esce il suo strato funzionale.

L’adenomiosi uterina è una malattia benigna caratterizzata dalla proliferazione della mucosa uterina (endometrio) all’interno della parete muscolare dell’utero. In realtà a causa di tale crescita, la dimensione dell’utero aumenta in modo significativo. Di solito, la malattia inizia nelle donne dopo i trent’anni e se è trascurata, può portare alla sterilità.

Quali sono i sintomi dell’adenomiosi?

I sintomi dipendono dallo stadio della malattia, dall’età della paziente e dalla salute generale. Si distinguono i seguenti sintomi:

  • Irregolarità mestruali. Periodi abbondanti, prolungati (più di 7-8 giorni) e molto dolorosi. Spesso, le secrezioni possono essere coagulate. Alcuni giorni prima e dopo le mestruazioni sono possibili le secrezioni marroni.
  • Dolore durante il rapporto sessuale,
  • Sanguinamento uterino anomalo che si verifica tra le mestruazioni ed è accompagnato dai dolori acuti e taglienti.
  • Una sensazione di gonfiore dell’addome inferiore a causa di un aumento dell’utero. A volte la dimensione dell’utero può aumentare di 2-3 volte e l’utero stesso può diventare della forma tuberosa.
  • Una donna può lamentare una mancanza di gravidanza durante tutto l’anno.

Quali sono le cause dell’adenomiosi?

E’ sicuro che oggi i ginecologi non possono dire la causa esatta dello sviluppo della malattia. In realtà una causa comune sono i disturbi ormonali e l’immunità debole. Spesso l’adenomiosi si verifica dopo un intervento chirurgico sull’utero, l’aborto, dopo il curettage.

Ma i medici identificano i seguenti fattori di rischio che possono diventare il fattore scatenante per lo sviluppo della malattia:

  • Un gran numero degli aborti;
  • Frequenti procedure chirurgiche sull’utero;
  • Molti parti cesarei;
  • Malattie infiammatorie croniche dell’utero;
  • Vita sessuale promiscua;
  • L’uso della spirale uterina;
  • Assunzione incontrollata dei farmaci ormonali;
  • Intenso sforzo fisico;
  • Stress e nevrosi costanti.

Classificazione di adenomiosi

Esistono diverse forme di adenomiosi:

  • diffusa – uniforme della germinazione dell’endometrio nel miometrio;
  • focale – la formazione dei singoli focolai di crescita;
  • nodulare: nei luoghi di germinazione si formano noduli;
  • nodo diffuso – crescita uniforme con la formazione dei nodi.

Inoltre, a seconda dello sviluppo della malattia, sono divisi in 4 gradi:

  • I grado – germinazione non profonda, non oltre la sottomucosa;
  • II grado – l’endometrio raggiunge la metà dello strato muscolare;
  • III grado – germinazione di oltre la metà del miometrio;
  • IV grado- l’endometrio cresce nell’intero strato muscolare, a volte colpendo gli organi vicini.

In che modo un medico conferma l’adenomiosi?

Di solito la condizione ha sintomi abbastanza pronunciati e la donna consulta immediatamente un medico. E già nella fase della conversazione e dell’esame ginecologico sulla sedia, si può sospettare l’adenomiosi.

Per confermare la diagnosi, vengono prescritti la diagnostica ecografica (convenzionale e transvaginale), l’isteroscopia con curettage dell’endometrio e il successivo esame istologico di esso e la risonanza magnetica degli organi della cavità pelvica.

Durante tutti questi esami, il medico osserva la forma dell’utero, lo spessore delle pareti, la presenza di neoplasie o nodi, la diffusione del processo agli organi vicini. Inoltre, per un’accurata diagnosi differenziale, vengono esaminati strisci ginecologici per flora e citologia e biopsia della parete uterina.

Poiché le dimensioni dell’utero normalmente cambiano durante il ciclo mestruale, il medico prescrive un metodo diagnostico strumentale nei determinati giorni del ciclo. Quindi, può dire con precisione se ci sono deviazioni dalla norma.

Al fine di determinare la causa della malattia, vengono prescritti test di laboratorio: lo stato ormonale della donna, un esame del sangue biochimico, un’analisi generale delle urine e del sangue.

Come viene trattata l’adenomiosi?

Il trattamento dell’adenomiosi viene selezionato individualmente, a seconda della forma della malattia, del grado del processo, delle malattie concomitanti e della possibile causa che l’ha provocata.

Spesso, la malattia scompare dopo l’inizio della menopausa e quindi un metodo di trattamento può dipendere dall’età della donna.

Dati tutti i possibili fattori, il medico può prescrivere: trattamento conservativo, isterectomia chirurgica ed estrema.

Trattamento conservativo.

Nelle fasi iniziali e senza sintomi gravi, il medico prescrive farmaci, che includono: farmaci antinfiammatori, terapia ormonale e vitamine per mantenere l’immunità. Occorre anche trattare attivamente le malattie concomitanti.

È possibile utilizzare i farmaci sedativi dopo aver consultato un medico specializzato. Spesso tali misure aiutano una donna e fermano l’ulteriore sviluppo della malattia, trasferendolo nella fase di remissione.

Trattamento chirurgico

Con un processo focale e nodulare, i posti della lesione e la formazione dei nodi vengono rimossi con il metodo chirurgico. E successivamente, i farmaci vengono utilizzati anche per prevenire le ricadute.

A volte il processo viene espanso in tutto l’utero e il trattamento conservativo non aiuta, ed è impossibile rimuovere i singoli fuochi con il metodo chirurgico. Ma i sintomi sono dolorosi, fastidiosi e talvolta pericolosi per la vita. Quindi i medici raccomandano una rimozione chirurgica radicale dell’utero. Più spesso questo metodo viene utilizzato nelle donne giovani con un grado IV di malattia e sintomi molto gravi.

È possibile avere un bambino ?!

Per le donne con adenomiosi che stanno pianificando di concepire un bambino, non è possibile rimanere incinta durante il trattamento, nonché 6 mesi dopo il ciclo completo.

Ma nelle donne con assenza del disturbo ormonale, i medici raccomandano l’uso della fecondazione in vitro.

FIV – fecondazione in vitro – un metodo ausiliario di fecondazione. “Si prende” un uovo di donna e uno sperma di uomo e viene effettuata la fecondazione all’esterno del corpo (in vitro). Quindi l’ovulo fecondato viene impiantato nell’utero della donna. Questo metodo aumenta le possibilità di rimanere incinta e di avere un bambino sano.

E nel caso delle isterectomia, è impossibile rimanere incinta. Pertanto, la maternità surrogata rimane l’unico modo per ottenere un bambino geneticamente suo.

La maternità surrogata è una tecnologia riproduttiva assistita che consente a una donna senza utero di avere un bambino. Sta nel fatto che il materiale biologico viene preso nei genitori (sperma e uovo), fecondato con l’aiuto di fecondazione in vitro e quindi l’embrione viene trasferito nell’utero di un’altra donna che accetta di gestare e dare alla luce un bambino. Pertanto, questa procedura ha tali aspetti positivi:

  • I bambini assomiglieranno ai loro genitori;
  • La coppia avrà figli;
  • Una donna in buona salute gesta e partorisce un bambino,  questo riduce i rischi;
  • La coppia è fiduciosa nella salute genetica del bambino e sa che assomiglia a loro.

Ricorda che la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo svolgono spesso un ruolo decisivo nel trattamento dell’adenomiosi. E se la malattia non è curabile e la donna vuole avere un figlio, allora nella medicina moderna ci sono le tecnologie di riproduzione assistita che le daranno tale opportunità!

  • Contattateci

    La maternità surrogata può provocare tante domande, incertezze e preoccupazioni. Non preoccupare! La nostra conoscenza ed esperienza hanno già aiutato alle coppie a far luce su tutti gli aspetti di questo problema. Sarete anche voi i genitori felici con il nostro aiuto!

  • Potresti essere interessato a:
    02.04.2020
    La differenza tra FIV e IUI
    Il numero delle coppie sterili nel mondo sta crescendo. Quelle coppie sposate che non possono avere figli varia dall’8 al 25% e non diminuisce negli ultimi anni. Nella maggior parte dei paesi europei, circa il 10% delle coppie è sterile, negli Stati Uniti – dall’8 al 15% (a seconda dello stato), in Canada – circa il 17%, in Australia – oltre il 15%.
    Maggiori dettagli
    01.07.2019
    La procedura di donazione dello sperma
    I risultati successivi della Fivet o della maternità surrogata dipende in molto dal fattore maschile. Peccato che perfino lo sviluppo alto di tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita, è ancora impossibile di superare alcune forme della sterilità maschile.
    Maggiori dettagli
    02.07.2015
    Il numero delle procedure di FIVET è considerevolmente aumentato in Lettonia
    Si riferisce, che al programma di fecondazione assistita possono prendere la parte le coppie sposate a quale hanno diagnosticato la diagnosi "la sterilità" dopo il controllo. Dopo questo il paziente può iscriversi in una di cinque cliniche che realizzano il servizio di procedura FIVET sulla base del contratto a spese di fondi pubblici.
    Maggiori dettagli
    Richiedere una chiamata
    * Required fields