Ormone antimulleriano e fecondazione in vitro

18.06.2020
Categoria:

Il sistema riproduttivo femminile dipende molto dall’attività ormonale nel suo corpo. Fondamentalmente, sono sufficienti alcuni esami del sangue e si possono trarre conclusioni sul sistema riproduttivo femminile. Uno degli ormoni più importanti che possono mostrare la possibilità di rimanere incinta è l’ormone antimulleriano. Si chiama cartina di tornasole della salute riproduttiva di una donna. Vediamo perché è così importante, quale cifra è la sua norma nel corpo e se è possibile rimanere incinta con una bassa quantità di questo ormone.

Che cosa sia ormone antimulleriano?

L’ormone antimulleriano (AMH) è una proteina presente negli organismi femminili e maschili. Si riferisce alla trasformazione dei fattori di crescita. Svolge un ruolo molto importante nel periodo embrionale, quando si verifica lo sviluppo degli organi riproduttivi di entrambi i sessi. È responsabile della differenziazione del feto maschile e femminile.

Nel corpo femminile per tutta la vita, il livello di AMH aumenta durante la maturazione dei follicoli ovarici ed è considerato molto preciso per determinare la funzione riproduttiva di una donna. Secondo il suo livello nel corpo, è possibile dire con la massima sicurezza il numero delle uova potenzialmente fertili.

In quale caso è consigliabile eseguire un’analisi su AMH?

Esistono varie malattie e condizioni in cui il medico prescrive di essere testata per AMH.

Ecco sono i più comuni:

  • Sospetto di pubertà prematura o lenta;
  • un matrimonio sterile;
  • per stabilire il fatto della menopausa completa;
  • il sospetto di sindrome dell’ovaio policistico;
  • monitoraggio delle donne con oncologia;
  • valutazione del sistema riproduttivo di una donna;
  • identificazione delle cause dei tentativi falliti di fecondazione in vitro.

Quali sono i normali risultati di AMH?

Nel corso della vita di una donna, il livello di AMH sta cambiando. Prima di tutto, è necessario ricordare che lo fanno dal terzo al quinto giorno del ciclo mestruale e rigorosamente a stomaco vuoto.

In base all’età, la quantità di AMH nel corpo di una donna è pari a: 

  • entro 8 settimane – <0,02-0,49 ng/ml
  • entro 10 anni – 0,05-10,4 ng/ml
  • da 11 a 20 anni – 0,62-11,0 ng/ml
  • da 21 a 30 anni – 0,02-10,39 ng/ml
  • da 31 a 40 anni – 0,14-10,4 ng/ml
  • da 41 a 50 anni – 0,02-6,35 ng/ml
  • oltre a 51 anni – 0,02-0,39 ng/ml.

Ma ricorda che decifrare accuratamente l’analisi e descrivere lo stato della donna potrebbe solo un medico. È lui a determinare il trattamento.

Quali sono i motivi di un basso livello di AMH?

A seconda dell’età della donna e dei disturbi, ci possono essere i vari motivi. Dovrebbero essere considerati in combinazione con altri sintomi e risultati del test.

È anche utile calcolare il giorno di consegna dell’ormone, perché il livello di AMH cambia durante il ciclo mestruale, anche se leggermente, ma ciò può influire sul risultato finale.

Le cause più comuni del declino dell’AMH sono:

  • Menopausa: l’ inizio può essere adatto all’età e considerato normale o prematuro.
  • Riserva riproduttiva ridotta: poche uova sono pronte per la fecondazione.
  • Ritardata crescita sessuale. Se questo è definito nell’infanzia e nell’adolescenza
  • Cicli anovulatori. Il ciclo in cui l’ovulazione non ha avuto luogo.
  • Sterilità di eziologia endocrina. In concomitanza con la violazione della produzione di altri ormoni.
  • Sindrome da deplezione ovarica: abitudini dannose, un gran numero di gravidanze precedenti.
  • Sindrome delle ovaie policistiche. Nella formazione di sindrome, la funzione diminuisce con questo e il livello di AMH.
  • Neoplasia degli organi del sistema riproduttivo.

E’ possibile effettuare la fecondazione in vitro a basso livello AMH?

Il basso livello di ormone antimulleriano è un’indicazione diretta per l’uso della tecnologia riproduttiva assistita – fecondazione in vitro.

Poiché AMH influenza direttamente lo sviluppo dei follicoli, quindi, il suo forte declino esclude la fecondazione in modo naturale. Un uovo sano non esce dall’ovaio. Sfortunatamente, aumentare il livello di AMH non è facile. Pertanto, il medico raccomanda una stimolazione delle ovaie prima di IVF.

Durante questa procedura viene eseguita una stimolazione medicamentosa ormonale, che consente la formazione e l’ulteriore funzionamento degli ovuli sani.

Per fare ciò, si deve selezionare attentamente il protocollo di stimolazione, di solito viene scelto un protocollo lungo con basse dosi degli ormoni. Questo viene fatto per evitare una forte iperstimolazione delle ovaie. Inoltre, viene spesso utilizzato il protocollo ICSI aggiuntivo, anziché la semplice fecondazione di invitro.

Ma a volte capita che anche dopo la stimolazione delle ovaie non sia possibile ottenere un risultato positivo: è impossibile ottenere un uovo. In tal caso, il medico raccomanda l’uso della fecondazione in vitro con le cellule di una donatrice. In questo caso le probabilità di rimanere incinta e di avere un bambino diventano  più alte.

Dopo ogni tentativo di fecondazione in vitro, il medico prescrive nuovamente un’analisi per la determinazione dell’AMH al fine di monitorare la salute delle ovaie e adattare il tentativo successivo in caso di fallimento del precedente.

Ricorda che tutti gli indicatori e le situazioni sono strettamente individuali. Il medico seleziona il protocollo e il metodo di trattamento in ogni singolo caso, in base ai risultati delle analisi e alle condizioni generali del corpo della donna.

Per conoscere lo stato dei tuoi ovociti, esegui subito un’analisi di AMH e ottieni una consulenza medica professionale.

  • Contattateci

    La maternità surrogata può provocare tante domande, incertezze e preoccupazioni. Non preoccupare! La nostra conoscenza ed esperienza hanno già aiutato alle coppie a far luce su tutti gli aspetti di questo problema. Sarete anche voi i genitori felici con il nostro aiuto!

  • Potresti essere interessato a:
    10.08.2015
    Cameron Diaz è in disperazione che non può diventare incinta
    Finora tutti pensavano che l'attrice di 42 anni Cameron Diaz e il suo marito, il musicista di 36 anni Bengie Madden, aspettano un bimbo, pero la coppia era preoccupata d’altri problemi : Cameron non può diventare incinta in nessun modo. Gli sposi già pensano di realizzare la procedura di FIVET (fecondazione assistita).
    Maggiori dettagli
    30.09.2015
    L'uso degli ovuli congelati durante la FIVET riduce la probabilità di concezione del bambino
    La fecondazione in-vitro (FIVET) è il metodo più efficace per superare la sterilità. Tradizionalmente gli ovuli per effettuare la procedura di FIVET ricevuti dal organismo della donna vengono subito fecondati in vitro.
    Maggiori dettagli
    16.04.2020
    Gemelli e gravidanza in vitro: qual è la possibilità di concepire i gemelli?
    Grazie alla fecondazione in vitro, molte coppie con la diagnosi di infertilità possono dare alla luce un bambino sano e tanto atteso. La tecnologia riproduttiva fornisce un tipo di concepimento in vitro, in cui lo sperma viene trasferito nell'uovo al di fuori del corpo della donna e dopo l'embrione viene inserito nell'utero.Uno dei possibili rischi durante il protocollo IVF è una gravidanza multipla. Possono nascere i gemelli monozigoti (identici) ed eterozigoti (eterogenei).
    Maggiori dettagli
    Richiedere una chiamata
    * Required fields