Maternità surrogata e gemelli

18.12.2020
In questo articolo

La fecondazione in vitro (IVF) è considerata il metodo più popolare per le gravidanze multiple. C’è un’ipotesi che i gemelli nascano più spesso dopo la fecondazione in vitro. Infatti, solo ogni 5 gravidanze dopo la fecondazione in vitro saranno multiple (circa il 20% dei casi).

È proprio questo metodo che viene utilizzato per la fecondazione durante la maternità surrogata. Quindi, possiamo dire che ogni 5 madri surrogate ha dato alla luce i gemelli.

L’essenza del metodo stesso è che il loro materiale genetico (uovo e sperma) viene prelevato dagli sposi e la fecondazione viene eseguita in laboratorio. Quindi si formano diversi embrioni vitali. Dopo 5 giorni in un’incubatrice, vengono trapiantati nella cavità uterina di una madre surrogata, dove crescono e si sviluppano per i 9 mesi. Allo stesso tempo, c’è un’alta probabilità che tutti gli embrioni possano attecchire sull’endometrio.
Se sono stati impiantati due embrioni, ciò indica che si sta sviluppando la gravidanza multipla nella cavità uterina. Nel caso della fecondazione in vitro, si tratta dei gemelli dizigoti, quando i gemelli sono ottenuti da due uova fecondate con diversi spermatozoi.

In questo caso, possono nascere bambini sia dello stesso sesso che dello sesso diverso. Ma anche i bambini nell’utero possono essere omozigoti. Di conseguenza, solo un uovo fecondato si divide, a seguito del quale ciascuna delle nuove cellule si sviluppa in un embrione e i bambini nascono con un genotipo identico, quindi possono essere solo dello stesso sesso.

Perché i genitori biologici spesso vogliono i gemelli?

I giovani genitori spesso sognano una famiglia grande con due gemelli. Perché credono che avendo dato alla luce due bambini una volta, potranno rilassarsi e realizzare tutti i desideri sulla maternità. Dopotutto, quindi, i loro figli cresceranno, si svilupperanno e giocheranno insieme, il che contribuisce alla socializzazione del bambino, poiché non c’è differenza di età.
Anche l’impiego dei genitori influisce su questo fatto. Dopotutto, molti vogliono avere due figli, ma sono fermati dal fatto che dovranno stare 2 volte in congedo di maternità, due volte per vivere le notti che non sono state dormite. E la nascita di 2 gemelli contemporaneamente li consente di ottenere quello che vogliono alla volta.

Il costo della maternità surrogata con due gemelli

Per cominciare, la parte organizzativa e legale viene eseguita dal centro di maternità surrogata, i cui specialisti conducono programmi dall’inizio fino alla nascita del bambino. Essi creano buone condizioni per i coniugi e le madri surrogate. Una donna che gesta un figlio geneticamente non suo, riceve un compenso materiale mensile e una retribuzione dopo la nascita per aver partecipato al programma e per aver aiutato una coppia sposata. Il pagamento per una madre surrogata in tali centri varia da 18.000 a 25.000 euro per programma.

L’intero importo viene versato gradualmente, dopo ogni specifica fase:

  • Il pagamento che avviene al giorno del trasferimento dell’embrione (FIVET) è di circa 200 euro.
  • Ecografia con gravidanza confermata – 200 euro dopo la procedura.
  • Una donna ottiene 400 euro al mese. Di conseguenza, in 9 mesi – 3600 euro.
  • Dopo la nascita e la consegna del bambino i potenziali genitori, la gestante riceve altri 14mila euro.

Ci sono anche i pagamenti aggiuntivi. Una donna, soggetta alla partecipazione al programma per la seconda volta, riceve 1000 euro aggiuntivi e, se per la terza volta, 2000 euro. Quando il parto è stato effettuato con taglio cesareo – 1.500 euro.

Un punto importante è l’aumento della ricompensa per la gravidanza multipla – 3000 euro. Siccome essa gestisce 2 bambini. Ciò aumenta il rischio sia per la salute della madre che dei bambini.

Pertanto, ci sono grandi rischi di un aborto spontaneo e:

  • rischi durante la gravidanza (gestosi, distacco prematuro della placenta, sanguinamento durante la gravidanza e nel periodo postpartum);
  • aborto a breve termine;
  • la morte di uno dei bambini, che porta a un arresto nello sviluppo del secondo embrione;
  • parto complicato e prematuro e, di conseguenza, un bambino prematuro con sviluppo insufficiente degli organi (visione, udito, sistema muscolo-scheletrico, ecc.);
  • sindrome da distress respiratorio fetale;
  • anemia;
  • polidramnios;
  • ipertensione innescata dalla gravidanza. Si verifica 3 volte più spesso rispetto alla gravidanza con un bambino solo, è più grave.

Oggi, la scienza moderna offre a tutti l’opportunità di diventare genitori felici, indipendentemente dalla malattia, dall’età, dal sesso e dalle preferenze in amore. Dopotutto, ora una famiglia dello stesso sesso differisce da una famiglia eterosessuale sterile solo per il fatto che per creare un bambino geneticamente nativo, sono necessarie tecnologie cellulari più avanzate che non stanno ferme e si sviluppano costantemente.

  • Contattateci

    La maternità surrogata può provocare tante domande, incertezze e preoccupazioni. Non preoccupatevi! La nostra conoscenza ed esperienza hanno già aiutato le coppie a far luce su tutti gli aspetti di questo problema. Sarete anche voi i genitori felici con il nostro aiuto!

  • Potresti essere interessato a:
    20.03.2015
    Il bambino della provetta
    Più di 30 anni sono passati dal giorno quando il primo bambino era nato con l’aiuto di fecondazione artificiale. Durante questi anni la medicina ha fatto l’interruzione reale in sviluppo delle tecnologie riproduttive.
    Maggiori dettagli
    03.07.2019
    IVF protocolli
    Grazie agli ultimi ritrovati della medicina contemporanea di riproduzione assistita, ed in particolare, ai metodi di fecondazione in vitro, tante coppie che hanno sofferto di infertilità per molti anni , ottengono una possibilità di avere propri figli.
    Maggiori dettagli
    27.03.2020
    FIVET all'età dopo 40 anni
    Alcuni credono che se una donna ha сompiuto 40 anni quindi non sarà in grado di realizzare il sogno della sua vita: diventare la madre. Tuttavia, questa opinione è errata, nonostante il fatto che a questa età la funzione riproduttiva diminuisca e la probabilità di fecondazione dell’ovocito diminuisca.
    Maggiori dettagli