Il peso dell’uomo può far effetto negativo su procedura di fecondazione assistita?

Comments: 0 | ottobre 2nd, 2015

Il peso dell’uomo è capace d’influenzare negativamente i risultati di fecondazione assistita

L’obesità ha l’effetto negativo su un organismo. Il sovrappeso degli uomini aumenta non solo il rischio di sviluppo di diabete ma anche il rischio di deterioramento dello sperma. In questo caso la medicina riproduttiva non può farci niente.

Perfino a ragazzi giovani con l’obesità il numero di spermatozoi considerevolmente diminuisce, si abbassa la loro mobilità – questi due fenomeni peggiorano le probabilità di fecondazione degli ovuli femminili.

I ricercatori australiani sono riusciti a scoprire che in molti casi anche i metodi più moderni di medicina riproduttiva non aiuteranno agli uomini obesi di sentire il piacere di paternità.

Gli scienziati dell’università di Adelaide hanno effettuato l’esami di risultati di 30 lavori scientifici dedicati a tema dell’obesità e fertilità maschile con il numero totale di partecipanti più di 115 000 persone.

I ricercatori hanno scoperto che in confronto agli uomini con un peso normale gli uomini con l’obesità hanno affrontano il rischio della sterilità al 65% più alto.

I dati simili erano ottenuti anche prima da altri ricercatori, ma gli scienziati australiani hanno anche scoperto che le probabilità della nascita del bambino agli uomini obesi perfino dopo la procedura di fecondazione assistita erano in 3 volte più basse in confronto agli uomini con un peso normale.

Nella ricerca gli autori specificano che molto probabilmente, le violazioni del metabolismo in un organismo causato da obesità hanno condotto a frammentazione considerevole di DNA in spermatozoi.

Questa è stata una delle ragioni principali di fallimenti di fecondazione assistita con l’impianto successivo degli embrioni nell’utero e altri metodi (per esempio: ICSI, Inseminazione intrauterina).

Comments

comments